SHARE

Servivano assolutamente due vittorie, e due vittorie sono arrivate. Missione compiuta per il Nettuno BC 1945 che dalla trasferta di Macerata ritorna con due prestazioni di carattere, e con due successi che per la classifica del girone sono fondamentali. Due successi ottenuti con grande determinazione. Costruiti su una difesa perfetta, zero errori nelle due gare, su un monte che nonostante qualche base per ball di troppo ha concesso molto poco come numero di valide al Macerata, e su un attacco trascinato da un caldissimo Derwin Pomare.

Il colombiano ha preso per mano la squadra, suonando la carica con le sue battute extrabase. Due doppi, un triplo e un fuoricampo è il bottino di Pomare nella trasferta in terra marchigiana. Tutto il lineup ha dato un importante segnale di costanza, sono 21 le valide prodotte dei due match tra cui spiccano anche le prestazioni di Federico Giordani (4 su 9) e Freddy Noguera (4 su 9 con 4 RBI).

Le due battute d’arresto a Grosseto avevano reso delicato il turno, ancora in trasferta, contro Macerata. Altri passi falsi potevano complicare e di molto la classifica del girone. La squadra di Fabrizio Ludovisi ha risposto alla grande sul campo, dimostrando che quello dello Jannella è stato un incidente di percorso che ad inizio di stagione può capitare, soprattutto se si devono fare i conti con qualche infortunio di troppo.

A Grosseto mancavano infatti Andrea Sellaroli e Andrea Pizziconi, e Ludovisi ha dovuto fare i conti anche con l’olandese Draijer a mezzo servizio e con Liguori in non perfette condizioni.

A Macerata si è visto il peso specifico di un giocatore come Sellaroli, solidità in difesa (un doppio gioco girato insieme a Mercuri ha strappato applausi) e presenza fondamentale nel ruolo di leadoff. Sono ben sei le basi per ball conquistate da Sellaroli a Macerata, con un numero elevato di lanci a cui ha costretto i pitcher dei padroni di casa.

In Gara1 successo per 13-4 con Federico Pecci vincente dopo la partenza di Paolo Taschini. Nel terzo inning arrivavano i primi 4 punti del match propiziati dai singoli di Mario Trinci e Victor Draijer, dalla base ball di Sellaroli e dal gran doppio di Derwin Pomare. La reazione dei padroni di casa fruttava tre punti sempre nel terzo inning di gioco.

Usciva Taschini, prima da rilevato da Camillo Nunez e poi da Pecci e il Nettuno allungava nel punteggio nel quinto attacco.

Singolo di Freddy Noguera, base per ball a Draijer e singolo con RBI di Pomare. Altri due punti arrivavano nel sesto inning dopo il singolo dell’ottimo Mario Trinci (2 su 4) ed un errore della difesa del Macerata.

Il Nettuno dilagava nel finale, un punto spinto a casa da Noguera nell’ottavo, e cinque nel nono con i doppi di Pomare e Mercuri, ed i singoli di Giordani e Noguera.

In Gara2 shutout di 6-0 firmata dal partente Jesus Lage e dal rilievo vincente di Lars Liguori. Nettuno subito avanti 2-0 al primo attacco. Base per ball a Sellaroli, poi singolo con RBI di Victor Draijer e triplo con punto a casa per Derwin Pomare. Il parziale andava sul 4-0 nel secondo inning. Base per ball a Nicola Garbella, singolo di Giordani, ennesimi quattro ball conquistati da Andrea Sellaroli e Freddy Noguera piazzava la valida da due punti al momento giusto. Jesus Lage lasciava il monte di lancio dopo quattro inning senza aver concesso punti al Macerata, nonostante sette basi per ball concesse e tre valide.

Lo rilevava Lars Liguori che nei cinque inning sul monte concedeva solo 4 valide senza mai dare opportunità al Macerata di rientrare in partita. Nel quinto inning arrivava il 5-0 con Derwin Pomare che spediva in fuoricampo un lancio del partente Aliangel Lopez. Nel nono inning era un balk del rilievo Leslie Nacar a fissare il finale sul 6-0 per il Nettuno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here