SHARE

Il Nettuno chiude in bellezza la regular season del campionato di SerieA1 facendo esplodere il suo lineup contro il Padule. Per la squadra di Guy Trinci arriva quindi una conferma importante dopo il forte segnale dato contro il Padova, l’attacco adesso riesce ad esprimersi al meglio. I numeri sono esaltanti con 44 battute valide, condite da ben 7 fuoricampo e 37 punti prodotti. Cifre che hanno proiettato Mattia Mercuri, Edgard Montiel e Leo Rodriguez oltre i .300 di media battuta, con lo spagnolo che con 11 RBI chiude la regular season tra i primi primissimi battitori come produzione di punti. Con loro si è distinto anche Andrea Sellaroli che finisce la stagione regolare con l’ottimo .297 di media e il secondo fuoricampo in carriera nella massima serie.  Mercuri, Montiel e Rodriguez sono stati autentici trascinatori. Tre fuoricampo per l’interbase, uno dei quali Grande Slam! Due homer per il sempre più incisivo Montiel, celebrato oggi per le sue  prestazioni anche dalla stampa nicaraguense. Ciliegina sulla torta per il Nettuno il “Perfect Game” combinato su sette inning di Scott Richmond, Francesco Cozzolino e Marcos Frias.

GARA 1

La sfida del “Comunale” di Sesto Fiorentino tra Padule e Nettuno non lascia attimi di respiro e regala una partita carica di fuoricampo: 4 in altrettante riprese per gli ospiti, due per i toscani che, dopo essersi riavvicinati nella parte centrale della partita, si arrendono tra settimo ed ottavo inning favorendo il successo del Nettuno per manifesta superiorità proprio nell’ottava ripresa con il risultato di 18-7.

I laziali partono subito in quarta tormentando Carlos Rodriguez con i fuoricampo di Montiel (da due punti) e Mercuri che significavano subito 4-0, migliorato nel secondo da un altro fuoricampo, colpito questa volta da Andrea Sellaroli. Il Padule viene dominato da Alessandro Ciarla, perfetto per le prime tre riprese, ma dopo aver incassato altri tre punti nella parte alta del quarto da un altro fuoricampo di Mattia Mercuri, i toscani trovano la reazione giusta ed accorciano le distanze con un big inning da quattro punti con protagonista Francesco Pinto con home run da due punti. Nettuno non dispera e nel quinto risponde con il 9-4 firmato Sellaroli. Ma nel sesto inning, nell’ultima ripresa lanciata dal rilievo Valerio Simone (entrato nel quinto inning), è un altro “long ball” di Francesco Pinto, questa volta da tre punti, a lasciar sperare i tifosi di Padule, che vedono i propri beniamini adesso a sole due lunghezze dai laziali. Nulla però va come sperato. Leonardo Molina, che nel sesto si era salvato grazie a due battute a terra, comincia male il settimo inning incassando un singolo a basi piene da Leo Rodriguez, che vale due punti. Gli ospiti non si fermano e chiudono la ripresa sul 14-7 con singolo di Montiel e volata di sacrificio di Sparagna. Un inning più tardi Mario Trinci costruisce il punto del 15-7 mentre un doppio di Caradonna per regola di campo ed un singolo di Rodriguez apparecchiavano la tavola per il quinto fuoricampo di marca nettunese, il secondo della partita battuto da Montiel, che porta i suoi in zona manifesta, 18-7. Il fuoricampo convince Minozzi a sostituire Molina con Rigoni, che mette subito strikeout Mercuri mentre Richard Castillo metteva a tacere le mazze di casa per gli ultimi tre out della partita.

GARA 2

Sul campo di Sesto Fiorentino, il Nettuno bissa la manifesta di poche ore prima e chiude la stagione regolare con il finale sognato da qualsiasi giocatore di baseball: un perfect game. Non è stato però un “perfecto” canonico quello messo a segno dai tirrenici. È stato un perfect game combinato, dato che Guglielmo Trinci ha pensato bene di non spremere il suo partente, Scott Richmond (4IP, 7K in soli 41 lanci) utilizzando in rilievo il debuttante Francesco Cozzolino per una ripresa ed infine Marcos Frias per gli ultimi due inning di un incontro finito al settimo con il punteggio di 19-0 per il Città di Nettuno, che trova tre big inning e batte 23 valide (2 fuoricampo) con 7 basi su ball guadagnate e 2 strikeout contro il pitching staff utilizzato da Paolo Minozzi, vale a dire Junior PerezRigoni e Leonardo Molina. Il Nettuno non ha avuto competizione. È andato in vantaggio nel primo inning con un doppio di Leo Rodriguez ed a fine secondo era già sul 7-0 grazie a sei punti segnati con i singoli a basi piene di Giordani e Sellaroli seguiti dalle successive valide di Rodriguez (doppio) e Montiel. Nettuno si ferma solamente nel terzo. Poi, a partire dal quarto inning, segnano in tutte le riprese. Un grande slam di Mercuri (terzo fuoricampo di giornata tra gara 1 e gara 2) evidenzia la quarta ripresa alla quale segue un quinto attacco in cui è ancora Mercuri protagonista con il singolo del 12-0. Nei restanti due attacchi il Nettuno colleziona altri sette punti con ancora Mercuri e Rodriguez protagonisti. Quest’ultimo, che nel sesto aveva battuto il provvisorio 16-0, è protagonista del secondo fuoricampo laziale, quello del definitivo 19-0. A fine partita Padule paga un totale di 13 strikeout e dimostra poca pazienza contro un monte di lancio che mette in conto solamente 75 lanci.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here